A tu per tu con: Veronica Yoko Plebani! - art4sport EVENTI
Home A tu per tu con: Veronica Yoko Plebani!

A tu per tu con: Veronica Yoko Plebani!

A tu per tu con: Veronica Yoko Plebani!

L’appuntamento con i Giochi Senza Barriere, che si terranno il 13 giugno presso lo Stadio dei Marmi a Roma, si avvicina e noi abbiamo voluto porre alcune domande per conoscere meglio i nostri giovani atleti, cogliere qualche curiosità e capire cosa ne pensano di questo evento così importante. Oggi siamo a tu per tu con Veronica Yoko Plebani!

Veronica Plebani (Yoko) è nata il 1 marzo 1996, a Gavardo (BS). Determinata e solare, una volta entrata nel team di art4sport ha sviluppato la sua passione per la canoa e lo snowboard! L’impegno è stato presto ripagato: ha ottenuto molti successi in diverse specialità dei Campionati Assoluti Italiani di paracanoa nel 2014, ha vinto i Campionati Europei assoluti e la Coppa del Mondo assoluta nella sua categoria. Nel 2016 partecipa alle Paralimpiadi di Rio, dove ottiene un bellissimo 6° posto e intanto continua a primeggiare nei campionati nazionali italiani di paracanoa!

 

parliamo con Veronica Plebani

Art4sport è un’associazione che crede fortemente nel valore dello sport. Da quanto ne fai parte? Come ti ci sei avvicinata?

Ormai sono già 6 anni che faccio parte di art4sport, mi sono avvicinata all’associazione essendo venuta a conoscenza dell’esperienza di Bebe, che con me condivide una malattia che ci ha dato l’opportunità di trasformare la nostra vita.

Per te lo sport cosa significa? Che ruolo ha nella tua vita?

Nel mio percorso di vita lo sport è qualcosa di inevitabile, ne ha sempre fatto parte e poi mi ha dato l’opportunità di riprendere in mano la mia vita e diventare un’atleta a tempo pieno. Questo direi che mette lo sport in cima alla mia classifica delle cose importanti nella vita.

Emozioni e colori: se dovessi scegliere un colore, uno solo, a cui ti senti particolarmente legata, quale sarebbe? Quale ricordo rievoca?

Se dovessi scegliere un colore sarebbe sicuramente l’azzurro perché mi ha dato delle emozioni indescrivibili, è il colore che rappresenta l’Italia, il colore dell’acqua che scivola sotto la mia canoa ed è il colore del cielo che ho guardato tante volte emozionandomi dopo la linea di arrivo a fine gara.

Vincere o divertirsi: cosa scegli, e perché?

Le migliori competizioni che ho fatto, dove ho vinto, è perché sono riuscita a divertirmi gareggiando. Quindi riuscire a divertirsi vincendo è l’emozione più grande.

Giochi Senza Barriere: perché è importante che il pubblico partecipi?

I Gsb sono uno dei primi eventi “sportivi” a cui ho partecipato e mi hanno sempre dato negli anni una carica di energia positiva assurda, sono uno spettacolo incredibile fatto da persone ed emozioni vere e uniche. Impossibile mancare!

Quale è il tuo rito scaramantico prima di affrontare una competizione?

Ci sono due cose che faccio prima delle gare, per provare a gestire l’emozione. Mi faccio mettere il pettorale con il numero di gara da una persona che quel giorno mi sembra particolarmente positiva e poi mi metto i calzini del mio colore preferito, l’azzurro.

Il grande appuntamento si avvicina e sicuri che sarà una bellissima occasione per divertirsi e stare assieme. Non perdere l’occasione e partecipa insieme a noi!

Veronica ci sarà, con tutta la sua energia! Verrete a fare il tifo per lei?

Autore: art4sport

art4sport

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *